il portale italiano dell'energia eolica

Tu sei qui

Non finiranno gli incentivi alle fonti rinnovabili elettriche non FV

Twitter icon
Facebook icon
LinkedIn icon

Nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulla green economy, il Vice Ministro De Vincenti, in audizione presso le commissioni riunite VIII (Ambiente) e X (Attività produttive) della Camera dei Deputati, sottolinea che l’allarme su un possibile blocco degli incentivi legate alle fonti rinnovabili elettriche non fotovoltaiche è eccessivo.

In particolare, Vincenti spiega che “Alcuni commentatori hanno lanciato l’allarme sulla possibilità che il tetto di 5,8 miliardi di euro sia raggiunto entro l’anno, per effetto di due cause: l’impegno di spesa che conseguirà alla terza procedura di aste e registri e il concomitante (e atteso) calo del prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica. I vigenti meccanismi di sostegno, infatti, assicurano ai produttori ricavi abbastanza stabili e, in generale, indipendenti o poco dipendenti dal prezzo dell’elettricità, sicché la spesa di incentivazione sale al calare dei prezzi dell’energia e viceversa. Al momento, l’allarme pare eccessivo. In ogni caso, terminato questo primo periodo di applicazione delle nuove modalità di incentivazione, subito dopo l’estate si tireranno le somme e si valuterà il da farsi per il futuro, consapevoli che non possiamo e non vogliamo fermare lo sviluppo delle fonti rinnovabili, ma che comunque è doveroso continuare a favorirne il calo dei costi e l’integrazione nei mercati, peraltro in linea con i nuovi orientamenti europei sul tema, di cui si dirà nel seguito”.

 

Termini: